Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.

Contrattazione collettiva

contrattazione collettiva decreto dignita 1

InContra sostiene le parti sociali, le Istituzioni e le imprese nella ricerca di soluzioni che permettano di favorire la modernizzazione e lo snellimento della contrattazione collettiva. Incoraggia la predominanza della contrattazione decentrata a livello territoriale e aziendale come sede in cui adattare i contenuti normativi alla singola micro o piccola impresa, tenendo conto delle esigenze produttive e delle specificità del territorio in cui l'azienda opera. ll Centro Studi intende diffondere la conoscenza della contrattazione di secondo livello evidenziandone i vantaggi: un modello innovativo che permette alle piccole e medie imprese di sviluppare pienamente il proprio potenziale in termini di efficienza ed efficacia, realizzando il cambiamento organizzativo e culturale imposto dall’attuale evoluzione del mercato del lavoro.

Leggi gli aggiornamenti, commenta o contattaci per saperne di più!

Modello di classificazione del personale per competenze

InContra si fa promotore della classificazione del personale per competenze

La trasformazione del mercato del lavoro, l’evoluzione delle conoscenze, delle competenze e delle tecnologie digitali implicano per tutti gli attori del sistema produttivo nazionale il bisogno di ripensare un apparato aggiornato di classificazione del personale.

Nel riconoscere la necessità di individuare rinnovati modelli di divisione del lavoro e nuovi bilanciamenti dei profili professionali, il Centro Studi InContra, in collaborazione con il Dipartimento di Management della Facoltà di Economia di Sapienza Università di Roma, ha elaborato un nuovo sistema classificatorio, non più incentrato sulla gestione per mansioni, ma sulla gestione per competenze.

Leggi tutto

Nota INL del 20 giugno 2018: Dalla comparazione dei CCNL del terziario emerge un’altra verità

Per evitare contenziosi e non compromettere la propria immagine opportuno che INL riveda le proprie posizioni

confronto ccnlL’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL), con un comunicato del 20 giugno scorso, ha fornito ulteriori indicazioni ai propri ispettori circa l’attività di vigilanza verso le aziende che non applicano i contratti collettivi sottoscritti dalle organizzazioni comparativamente più rappresentative sul piano nazionale, e che possono determinare problematiche di dumping.

 

Leggi tutto

  • 1
  • 2

Iscriviti alla nostra newsletter